La democrazia spiegata ai grillini (ovvero: l’importanza dell’élite neutronica)

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. AdrianOttaviani scrive:

    Parole sante esimio Fiorenzo…

    Ormai è palese  che il duo G-C  non sia minimamente  interessato alla nascita di una nuova classe dirigente, anzi, mi sembra evidente che ogni germe di élite neutronica venga velocemente reciso in modo che non possa crescere, in una specie di giardinaggio preventivo ( Io tra parentesi lo faccio costantemente con il mio amato ulivo , tengo sempre il tronco pulito dalle nuove gemme che ne indebolirebbero la crescita ).
    Quello che si vuole è una falange coesa una specie di corpo unico al servizio del generale , viene quasi da sentire il popolo in adorazione  : Ispanico, Ispanico…

    Ho sentito argomentare da Di Battista che un conto è il dissenso e un conto è il boicottaggio e bisogna ammettere che nel loro caso, in assenza di chiare finalità politiche che non siano la-casta-cattiva-coerrotta-i partiti-puzzoni , criticare Grillo che è l'unico punto di riferimento certo del movimento equivale ad un boicottaggio, dato che caduto Grillo cadrebbe tutto il movimento come un pericolante castello di carte esposto alla minima bava di vento.
    E' un po' come ai miei tempi quando bastava un nonnulla per essere visto come un potenziale nemico del popolo, in questo bisogna dire che il M5S ha in effetti dei tratti leninisti senonché il partito di Lenin aveva come obiettivo la liberazione del popolo dalla schiavitù del capitale, il M5S quali finalità ha ?
    Come ti domandavi tu : qual'è la classe di riferimento ?
    Per ora l'unica risposta certa è che l'M5S è un marchio di proprietà di Grillo ed una emanazione di un blog di Grillo-Casaleggio che per statuto-non-statuto hanno , per legge, il controllo assoluto .

    Una domanda che forse può integrare il tuo discorso : perché Grillo invece di buttare dalla finestra i soldi degli stipendi dei parlamentari non se li è tenuti impegnandoli in qualcosa di serio ?
    Per esempio se è vero come è vero che in Italia c'è un gigantesco problema di democrazia informativa perché quei soldi non sono stati impiegati, la butto là, per creare una Televisione indipendente , o una radio ?
    Perché si è preferito , in ultima analisi, rimandare i soldi alla Merkel ?
    E il perché te lo dico io caro Fiorenzo, perché nonostante le apparanze la comunicazione via Web è molto meno democratica di quello che sembra dato che possono accederci persone solo di un certo tipo che vengono accuratamente auto-selezionate e catalogate.
    Sul web avviene come un filtraggio automatico, vai nel sito di Grillo solo se sei il tipo di persona "alla Grillo", mentre la televisione manda le informazioni a pioggia senza poter discriminare il tipo di utente che riceverà il messaggio.
    In Italia c'è un drammatico digital-divide e una ignoranza crescente delle masse, quella che servirebbe sarebbe una gigantesca ri-alfabetizzazione che possa ri-dare una spinta ad una democrazia ormai morente, bisognerebbe veramente che nessuno fosse lasciato in condizione di rimanere indietro, ma non solo economicamente, anche e sopratutto culturalmente .
    Ci vorrebbe un novello Manzi che ci dicesse con gentilezza : non è mai troppo tardi…
    E grillo che fa in proposito ?
    Il fatto è che  Grillo non vuole attirare persone in maniera indiscriminata , ama i giovani, perché i giovani hanno meno storia, sono più plasmabili , non gli serve il cinquanta-sessantenne cassaintegrato che si aspetta ancora qualcosa dallo stato-sprecone-corrotto, o peggio  quelli che ancora ragionano in termini di classe.
    Queste sono tutte persone che lui lascia volentieri al loro destino di emarginazione dalla politica , non gli servono , al massimo è disposto ad un'elemosina…
    Come non gli serviva, nell'incontro con Renzi , argomentare le sue opzioni e tentare di ottenere qualcosa dal governo , non ha minimamente tentato di ottenere qualcosa per il popolo perché in definitiva del popolo non gliene frega una beneamata sega, quello che gli serviva , e che è riuscito brillantemente ad ottenere, è mantenere alta la sua immagine di fulgido cavaliere senza macchia e senza paura contro i politici brutti e cattivi.
    E non crea una TV anche perché con la TV che è essenzialmente mono-direzionale , non c'è feedback, non c'è modo di misurare e quindi neanche di controllare, le reazioni della massa.
    Sarò apocalittico se vuoi ma ormai è proprio il web il principale strumento di assoggettamento del popolo.

    In realtà nel M5S la democrazia viene volta ad un uso totalmente demagogico il cui fine è lasciare inalerato ed inalterabile il dominio del terribile duo G-C , a tale scopo vengono usati anche vecchi cavalli di battaglia della sinistra radicale, tipo la revocabilità del mandato e la rotazione degli incarichi , ma con finalità completamente rovesciate.
    Per noi la rotazione degli incarichi doveva essere  una misura volta a tutelare la base del partito dalla creazione di oligarchie interne mentre nel M5S è una misura volta ad evitare che si creino figure che prendano troppa forza rispetto al terribile duo al comando !

    Concludo . Il M5S non è una soluzione , è una parte del problema, e se il popolo vuole liberarsi deve darsi da fare per creare un parito atto alla bisogna, che organizzi  la rivoluzione.

    Scusa per la lunghezza ma il tuo post era estremamente stimolante.
    ciao ciao

  2. Adriano scrive:

    E’ sufficiente dire che “la Rete” non può essere democratica in quanto anarchica per antonomasia. Chi conta i voti? Chi controlla il controllore? Un movimento che per bocca del suo capo chiede il 51% e lo controlla con una associazione fatta da tre persone è pericolosamente eversivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *